Il nuovo vicepresidente della Camera è il deputato del Popolo della libertà Simone Baldelli. Noto alle cronache per il video di satira sulla Presidente della Camera Laura Boldrini, è stato eletto con 274 voti per sostituire Maurizio Lupi, nominato ministro del governo Letta. Nella votazione hanno inoltre ottenuto 94 voti Francesca Businarolo (M5S), 8 voti Daniela Santanchè (Pdl), 6 voti Antonio Leone (Pdl) e 5 voti a testa Francesco Bonifazi (Pd) e Enrico Gasbarra (Pd). Prima dell’estate, la scelta di un sostituto per il ministro alle infrastrutture aveva creato numerose polemiche: la deputata Santanchè in prima fila per ottenere la candidatura ufficiale aveva aperto le fratture tra falchi e colombe nel partito di Berlusconi. Così la decisione di rimandare a dopo le vacanze la scelta. Archiviata la discussione sulla “Pitonessa”, il Pdl ha scelto Baldelli come vicepresidente in quota centrodestra.

“Auguri all’onorevole, farà piacere averlo nell’ufficio di presidenza. Complimenti onorevole. Anzi, presidente”, ha detto Laura Boldrini mentre l’aula salutava con un applauso l’elezione del nuovo vice presidente. La Camera ha anche integrato l’Ufficio di presidenza con la scelta di un segretario d’aula: Enrico Gasbarra (Pd) che ha avuto 342 voti.

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I privilegi di Saccomanni: come tassare se stesso tra case, pensioni, stipendi

prev
Articolo Successivo

Dr. JoCondor e Mr. JoLitti nella ‘disperanza’ italiana

next