A ferire 13 persone, incluso un bambino di tre anni in gravi condizioni, in un parco di Chicago nel distretto di Back of the Yards, sono stati uomini con i capelli rasta a bordo di un’auto grigia. I media locali hanno parlato di un testimone, zio del bambino ferito. “Hanno sparato verso di me ma hanno preso il palo della luce”, ha raccontato Julian Harris spiegando che suo nipote è stato colpito sulla guancia. “Li ho già visti da queste parti, vanno in giro a cercare qualcuno a cui sparare ogni notte, sono una gang, le gang fanno così”.

La sparatoria ha avuto luogo alle 22 di ieri sera (le 5 del mattino in Italia). Secondo quanto riportato dal Chicago Tribune, che sul suo sito pubblica le prime foto dei feriti soccorsi, 13 persone sono state colpite da colpi di armi da fuoco in un parco nella zona sud di Chicago.

Quattro di loro, tra cui un bambino di tre anni, si trovano in condizioni gravi. Sul posto ci sono sessantina di poliziotti. Proprio ieri erano state pubblicate le statistiche dell’Fbi secondo le quali Chicago è diventata nel 2012 la città con più omicidi d’America, in cifra assoluta, battendo per la prima volta New York che ha tre volte abitanti di più. Nella città l’anno scorso ci sono stati 500 morti ammazzati, in aumento rispetto ai 431 del 2011.

Lo scorso 16 settembre il texano Aaron Alexis, 34 anni, ex riservista della marina Usa aveva aperto il fuoco uccidendo 13 persone al Navy Yard di Washington, il quartier generale della marina militare. Un gesto che ha riaperto il dibattito politico e mediatico sul controllo delle armi. Un dibattito che, come tante altre volte nel passato, è presumibilmente destinato a provocare molte polemiche e pochi risultati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Grecia, scontri per l’omicidio del rapper di 34 anni. Perquisite sedi di Alba Dorata

prev
Articolo Successivo

Nucleare e Siria, Rohani rilancia il disgelo: “Possibile un incontro con Obama”

next