E’ stato arrestato in un sobborgo di Utrecht, in Olanda, Francesco Nirta, 39 anni, latitante dal 2007, condannato all’ergastolo per associazione mafiosa. La polizia olandese è arrivata a lui grazie alle informazioni raccolte dalla squadra mobile di Reggio Calabria e dallo Sco, in collaborazione con l’Interpol. Nirta era inserito nell’elenco dei 10 latitanti di massima pericolosità ed è il fratello di Giovanni Luca, condannato all’ergastolo per la strage di Duisburg

Francesco Nirta ha sulle spalle una condanna all’ergastolo per l’omicidio di Bruno Pizzata, ucciso nelle campagne di Casignana il 4 gennaio del 2007. Come la strage di Duisburg, avvenuta il Ferragosto successivo, l’assassinio di Pizzata è un episodio della faida di San Luca, sull’Aspromonte calabrese, tra i Nirta-Strangio e i Pelle-Vottari. Una vendetta per la strage di Natale 2006 in cui fu uccisa Maria Strangio e restarono ferite altre cinque persone, tra cui un bambino. Tra i feriti figuravano anche i fratelli Francesco e Giovanni Luca Strangio. 

Proprio l’assassinio di Maria Strangio fu la causa scatenante della strage di Duisburg, in Germania, avvenuta la notte di Ferragosto del 2007 , in cui furono uccise sei persone ritenute vicine alla cosca di ‘ndrangheta dei Pelle-Vottari. Giovanni Strangio, accusato di essere stato l’ideatore e uno degli esecutori della strage, è il cugino di Maria Strangio. La strage di Natale rappresentò, a sua volta, la vendetta per l’agguato subito da Francesco Pelle, alias “Ciccio Pakistan”, avvenuto nel luglio precedente.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amianto negli elicotteri dell’esercito. Mauro: ‘Rimozione integrale impossibile’

next
Articolo Successivo

Quanto costa diventare Santi? Papa chiede l’indagine sui conti. Ma non riceve risposta

next