Il giorno dopo le polemiche con Laura Boldrini per la sospensione dei lavori a Montecitorio e l’invito del presidente Giorgio Napolitano al rispetto delle istituzioni, scende in campo Beppe Grillo. Il leader Cinque stelle definisce la presidente della Camera “un oggetto di arredamento del potere“. Parole dure che vedono schierarsi a difesa della Boldrini tutto l’arco istituzionale. “Offese inaccettabili e incivili”, “accuse rozze e volgari” è la definizione di un gruppo bipartisan di deputate di Pd, Pdl, Sc, Sel e Gruppo misto. La presidente sceglie il profilo basso fino al termine della seduta; poi dirama una nota di “ringraziamento a tutte le parlamentari per il sostegno ricevuto” e rimarcando che l’offesa di Grillo “è rivolta a tutte le donne“.

Il rapporto tra i Cinque stelle e la presidente della Camera, inizialmente cordiale, è man mano degenerato fino all’epilogo di questi giorni con la “saluti sul tetto” da parte dei deputati M5S e lo scontro sulla legge per l’omofobia. A poco è servito “l’invito al rispetto” rivolto ieri da Napolitano. Grillo risponde anche al Capo dello Stato: “Rispetto, non voglio sentire i queruli rimproveri di una signora che dal suo scranno tratta i nostri rappresentanti come degli scolaretti. Chi le dà questa autorità?”. La Boldrini, secondo Grillo, non è stata eletta ma “nominata da Vendola“. “Il suo partitino è entrato in Parlamento solo grazie alla truffa della coalizione con il pdmenoelle – sottolinea – Una alleanza rinnegata subito dopo le elezioni in un eterno gioco delle parti che esautora il cittadino da ogni decisione”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S: ballottaggio tra Lezzi e Taverna per il nuovo capogruppo al Senato

next
Articolo Successivo

Sicilia, dipendenti gruppo Pdl senza Tfr. L’Ars aveva già erogato 300mila euro

next