Fino a ieri la sua firma era legata alle inchieste de Il Giornale. Ora comparirà nella gerenza de Il Tempo di Roma alla voce più importante: direttore. Gian Marco Chiocci si separa da Massimo Malpica, il collega “gemello” da lui ribattezzato, e va a dirigere la storica testata romana, diretta da Mario Sechi prima che abbandonasse il timone per candidarsi con Mario Monti. Chiocci ha già trasferito i suoi scatoloni da via Negri, sede milanese del quotidiano di Allessandro Sallusti, a Palazzo Wedekin, con Montecitorio e Palazzo Chigi a due passi. Da oggi occupa il posto di Sarina Biraghi, che rimarrà al suo fianco come condirettore. “E’ come tornare a casa – racconta il neo direttore, intervistato da ilfattoquotidiano.it – io Il Tempo l’ho respirato da bambino, ci ha lavorato mio padre per tanti anni, poi è stato il mio turno tra la fine degli anni ’80 e gli inizi ’90, e dopo vent’anni trascorsi a Il Giornale sono tornato qui da direttore con il compito di rilanciarlo. Non l’avrei mai immaginato”.

Il Tempo naviga in cattive acque. A luglio il suo editore, il costruttore Domenico Bonifaci, ha venduto una palazzina in via Flaminia per garantire lo stipendio ai giornalisti e non rimanere schiacciato da un debito di 7 milioni di euro. Le copie vendute negli anni si sono più che dimezzate e adesso viaggiano sull’ordine delle 35mila. Il lavoro è arduo, ma Chiocci sembra avere le idee chiare per riportare in auge la testata che fu di Renato Angiolillo e di Gianni Letta: “Voglio rilanciarla utilizzando quello che molti giornali non fanno più: le inchieste. Non ricicleremo i lavori di altri, non baseremo tutto sulle carte delle procure, ma faremo un giornalismo fatto di sudore e strada, andremo a scavare dove gli altri non guardano”.

Oggi il Tempo apre con un’inchiesta sulla magistratura, “dati sconcertanti per un paese civile come l’Italia, vedrete”. E si vocifera di un ritorno al caro filone “Fini- Tulliani”, con notizie inedite sul caso dell’appartamento di Montecarlo ereditato da An e venduto al cognato dell’allora presidente della camera, Gianfranco Fini, al modico prezzo di 300mila euro, tramite il giochino delle società off-shore. Chiocci non smentisce: “Ci potrebbero essere delle novità che se non più attuali risulteranno simpatiche agli occhi degli affezionati”. Molto attento anche ai mille problemi della Capitale, i suoi giornalisti sono già a lavoro per scandagliare l’amministrazione Marino: “Abbiamo trovato un modo originale e simpatico per incalzare il primo cittadino, ma lo faremo senza pregiudizi, non andiamo contro a priori”. Ci saranno nuove firme, tra le quali noti magistrati. L’argomento giustizia, insomma, sarà centrale: “Non saremo un giornale berlusconiano, il nostro è un giornale vicino al centrodestra, ai nostri lettori, ma non saremo la fotocopia di Libero e Il Giornale”.

Guai, però, a parlare di giornalismo fazioso, come capitò nell’inchiesta della casa di Montecarlo: “Quella su Fini non è un’inchiesta nata su input di Berlusconi o basata su dossier tenuti nascosti. E’ nata in modo molto banale come capita spesso a molte inchieste, fatta in un luogo, come Montecarlo, ostile ai giornalisti, dove non vai al catasto a prendere i documenti, dove tutto è riservato. E’ stata un’indagine sudata”. La definizione di macchina del fango è per Chiocci un paradosso: “Non mi sono mai sognato di dire che un Marco Lillo o un Peter Gomez fanno inchieste faziose. Se la notizia c’è, punto. Bisogna smetterla di dire che il giornalismo vero sta soltanto da una parte. A sinistra sono da premio Pulitzer, dall’altra c’è il fango. Se l’inchiesta è fatta bene, è documentata e nulla è scritto fuori luogo questo conta”.

Non solo Fini-Tulliani, però. Chiocci è stato anche il cronista da sguinzagliare contro Emma Marcegaglia, nella famosa telefonata intercettata tra il vicedirettore Porro e l’allora portavoce della presidente di Confindustria: “Porro è un cazzone, fa un sacco di battute, non mi ha mai detto vai dalla Marcegaglia e rompigli il culo”. Una telefonata scherzosa, dunque, anche se l’entourage di viale dell’Astronomia prese molto sul serio la cosa. E poi ci sono i famosi articoli contro Dino Boffo che fanno addirittura scuola, consolidano un “metodo”. “Puoi non condividere alcune inchieste, ma mai Sallusti mi ha detto vai e scrivi questo – precisa Chiocci – Su Boffo, ad esempio, trovai dei riscontri, ma altri non confermavano la storia. Non fui mica obbligato a scrivere il pezzo, anche se poi decisero di proseguire in un altro modo”. A costo di commettere errori. “Sì ci furono delle imprecisioni e delle imparzialità – ammette Chiocci – Ma di sicuro non fu pubblicato per delegittimare qualcuno, perché altrimenti potremmo dire la stessa cosa della stampa anti-berlusconiana”. 

Poi Chiocci paragona Il Giornale a Il Fatto Quotidiano. “Le vostre inchieste sono ossessive nei confronti di Berlusconi, le nostre contro i magistrati – tiene a specificare il neo direttore – ognuno la vede in un certo modo”. Ma di una cosa è sicuro l’ex giornalista di via Negri: “Fare inchieste a Il Giornale è stato molto difficile, la magistratura se sbagli è implacabile nei nostri confronti, abbiamo subito perquisizioni incredibili, intercettazioni pazzesche”. Adesso la vita da inviato è alle spalle: “Gli spazi di manovra ci sono, la direzione mi dà l’opportunità di sperimentare le mie idee di un giornalismo poco politicizzato, concentrato sulle inchieste e che parte dal basso, dalle città”. Infine lo slogan: “Aprite gli ombrelli perché piovono scoop”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Videomessaggio di Berlusconi, quel vizio illegale del pregiudicato

prev
Articolo Successivo

Rai, il reality ‘Mission’ e i pregiudizi sugli operatori umanitari

next