Per la chiusura di Controcorrente, la festa de Il Giornale, in tanti si aspettavano la presenza “a sorpresa” di Silvio Berlusconi, che invece non si è presentato. A difenderlo ci ha pensato però Angelino Alfano, “qui in veste di segretario del Pdl e non di membro del governo” e quindi più “libero di parlare”. “Stanno trattando la vicenda della decadenza del leader del centrodestra italiano – spiega Alfano parlando dei parlamentari Pd – come fosse la finale della Coppa del Mondo, come se dovessero alzare una macabra coppa”. Davanti a un piccolo teatro affollato il vicepremier ha usato parole di dure contro gli alleati-nemici del Pd: “Vogliono chiudere la seconda Repubblica con una tinta giudiziaria, come è già finita la prima”. Poche parole sulla stabilità del governo: “Non esiste un altro governo rispetto a quello attuale. Ci sarebbe una maggioranza di estrema sinistra, che non è stata la scelta degli italiani”  di Cosimo Caridi 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decadenza, Cuperlo: “Entro prossima settimana si procederà con il voto”

prev
Articolo Successivo

Burocrazia: servirebbe un Comitato nazionale di liberazione

next