Per la chiusura di Controcorrente, la festa de Il Giornale, in tanti si aspettavano la presenza “a sorpresa” di Silvio Berlusconi, che invece non si è presentato. A difenderlo ci ha pensato però Angelino Alfano, “qui in veste di segretario del Pdl e non di membro del governo” e quindi più “libero di parlare”. “Stanno trattando la vicenda della decadenza del leader del centrodestra italiano – spiega Alfano parlando dei parlamentari Pd – come fosse la finale della Coppa del Mondo, come se dovessero alzare una macabra coppa”. Davanti a un piccolo teatro affollato il vicepremier ha usato parole di dure contro gli alleati-nemici del Pd: “Vogliono chiudere la seconda Repubblica con una tinta giudiziaria, come è già finita la prima”. Poche parole sulla stabilità del governo: “Non esiste un altro governo rispetto a quello attuale. Ci sarebbe una maggioranza di estrema sinistra, che non è stata la scelta degli italiani”  di Cosimo Caridi 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decadenza, Cuperlo: “Entro prossima settimana si procederà con il voto”

next
Articolo Successivo

Burocrazia: servirebbe un Comitato nazionale di liberazione

next