Per la prima volta cellule staminali adulte sono state trasformate in cellule simili alle staminali embrionali direttamente in un topo vivo. Ci sono riusciti i ricercatori coordinati da Manuel Serrano del centro di ricerche spagnolo sul cancro (Cnio) che nei topi hanno riprogrammato cellule di alcuni organi e tessuti portandole a uno stato primitivo mai osservato prima. Descritto su Nature, il risultato è un’altra tappa fondamentale nella marcia di avvicinamento verso la medicina rigenerativa perché indica la possibilità di riparare lesioni di organi, ad esempio nel cuore o nel cervello, senza ricorrere a trapianti cellulari.

I ricercatori si sono basati sulla stessa ‘ricetta’ messa a punto dal premio Nobel per la Medicina Shinya Yamanaka con cui le cellule adulte compiono un viaggio indietro nel tempo, fino a diventare cellule primitive chiamate staminali pluripotenti indotte. Il cocktail per riprogrammare le cellule adulte in provetta è formato dai quattro geni, Oct4, Sox2, Klf4 e c-Myc. Ma adesso la differenza è che la riprogrammazione avviene direttamente nell’organismo.

I ricercatori hanno creato topi modificati geneticamente contenenti i quattro geni che sono stati attivati attraverso un semplice antibiotico sciolto nell’acqua e dato da bere agli animali. Una volta che la sostanza ha ‘acceso’ i geni è stato osservato che alcune cellule adulte di tessuti e organi, come rene e stomaco, sono state in grado di ‘ritirarsi’ dal loro sviluppo evolutivo e percorre un viaggio all’indietro per diventare cellule staminali che sembrano più simili alle cellule staminali embrionali rispetto alle pluripotenti indotte create in cultura. Inoltre, le cellule riprogrammate nei topi vivi mostrano il potenziale di differenziarsi in più tipi cellulari rispetto alle pluripotenti indotte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sigaretta elettronica, per smettere di fumare inefficace come cerotti alla nicotina

prev
Articolo Successivo

Metodo Stamina bocciato dal Comitato. “Non ha consistenza scientifica”

next