“L’11 settembre fu un inside job, un complotto interno americano. La versione ufficiale è stata smentita da tutti i punti di vista. Palesemente falsa e ormai il mondo se n’è accorto. La verità probabilmente non la sapremo mai, ma sicuramente è molto diversa da quella che i media mainstream ci raccontano”. Così il deputato del M5S Paolo Bernini intervenendo in Aula a titolo personale. Il 5 Stelle non è nuovo a queste provocazioni. Lo scorso marzo era balzato alle cronache per un’intervista a Ballarò in cui ha raccontato che negli Stati Uniti esiste un programma di impianto di microchip sottopelle per controllare i cittadini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giustizia, norma “anti Esposito”: ok in commissione al Senato. No di Pd e M5S

next
Articolo Successivo

Riforme, week end da 20mila euro per i saggi di Napolitano. Paga Palazzo Chigi

next