Arriva alla dodicesima stagione di ‘Ballarò’ su Rai3. Questa sera si parte alle 21,00 con la prima delle nuove 42 puntate, si parlerà di Imu e decadenza di Berlusconi. Sulla concorrenza che aumenta, il conduttore Giovanni Floris spiega in conferenza stampa a Roma: “Ci sono tantissime trasmissioni e questo è un bene. Io mi sono accorto che quando c’è una trasmissione in più, gli ascolti aumentano”. Sulle critiche del M5S ad alcuni servizi del programma dello scorso anno, Floris replica: “Ai politici non convince mai quello che fanno i giornalisti. Noi assicuriamo a tutti la massima correttezza”. Anche Renato Brunetta, capogruppo Pdl alla Camera, accusa Ballarò di mancato pluralismo, dopo l’archiviazione dell’Agcom, l’ex ministro ha presentato ricorso al Tar: “Suo diritto farlo, l’autorità ha spiegato che siamo una trasmissione corretta, ora aspettiamo una nuova risposta dal Tar”  di Nello Trocchia

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Piazzapulita, Esposito nell’intervista non parlò dell’ex premier Berlusconi

prev
Articolo Successivo

Telese va a Matrix e dimentica ‘Pubblico’. E i debiti

next