No alle nuove slot machines nelle città italiane. “Per sbaglio” dice il senatore democratico Casson. Sì al condono per i concessionari delle macchinette mangia soldi. “Per astensione” denuncia il Movimento 5 Stelle. Nessun errore, quindi, quando si è trattato di approvare il provvedimento dei grillini, che avevano proposto di bloccare la norma contenuta nel decreto Imu che permette ai signori delle slot di risparmiare – e di tanto – sulla multa dovuta allo Stato per i mancati tributi versati allo Stato. Intanto il senatore Giovanni Endrizzi, primo firmatario della mozione del Movimento 5 Stelle – bocciata – sui danni economici e sociali da decine di miliardi di euro causati dal gioco d’azzardo patologico accusa: “Le lobby del gioco sono potenti e sappiamo che c’è una lunga lista di eminenti esponenti politici e ministri finanziati direttamenti per le loro campagne elettorali. Poi c’è Letta, Alfano, Renzi e altri sei ministri del governo attuale nella fondazione VeDrò, finanziata a sua volta dalle lobby del gioco”  di Manolo Lanaro

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Decadenza, Zanda: “La Severino scatterà per il condannato Berlusconi”

next
Articolo Successivo

Decadenza di B, Colaninno (Pd): “Minacce del Pdl non modificano la nostra posizione”

next