Multe alle gomme da masticare per “pubblicità ingannevole”. Lo ha deciso l’Antitrust, che ha deliberato per Perfetti Van Melle Italia e a Perfetti Van Melle una sanzione pecuniaria rispettivamente di 150mila euro e 30mila per pratica commerciale scorretta in relazione ai prodotti Happydent, Vivident, Daygum, Mentos, Chewing gum allo xilitolo. E’ quanto si legge nel bollettino dell’Autorità diffuso oggi in relazione al “Regolamento sulle procedure istruttorie in materia di pubblicità ingannevole e comparativa, pratiche commerciali scorrette, clausole vessatorie”.

In particolare, l’Autorithy rileva che “i chewing gum vengono presentati, anzitutto, come idonei a garantire l’igiene orale e dentale mediante il loro accostamento allo spazzolino da denti ed alle diverse occasioni nelle quali questo dovrebbe essere normalmente utilizzato, nonché ad arrecare, anche in virtù del contenuto di xilitolo e calcio posseduto, svariati benefici per i denti e l’intero cavo orale attraverso l’utilizzo di specifici claim salutistici nonché di immagini e suggestioni collegate all’ambito medico-odontoiatrico”.

Il procedimento concerne il comportamento posto in essere dalle compagnie nel corso del periodo 2011-2012 e consistente nell’intensa diffusione su numerosi supporti media di messaggi promozionali incentrati sul tema dell’igiene dentale relativi ad alcuni chewing gum in confetti o lastrine. Nella lista diramata dall’Antitrust figurano alcuni dei principali prodotti del settore sul mercato, fra cui Happydent white complete, Vivident Xylit (nelle distinte versioni Green mint e White ), Daygum Protex (come tale e anche nelle distinte versioni Herbs white con aloe vera e Strawberry Juice), Daygum XP e Mentos pure white.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondazione Mps, la presidenza va alla vice di Squinzi in Confindustria

prev
Articolo Successivo

Bankitalia: “Nel 2012 conti correnti bancari meno cari in Italia”

next