Pazienza e forza di volontà sono gli unici strumenti per muoversi a Roma con i mezzi pubblici. Per Alessandro Crescenzi, disabile in sedia a rotelle, raggiungere il centro cittadino è una guerra quotidiana. Decine di autobus sui quali non può salire perché sono senza pedane o sono non funzionanti. “Una volta – racconta – ho contato in una giornata 21 mezzi che non avevano lo scivolo funzionante”. Non va meglio in metropolitana: sulla linea A solo 11 delle 27 fermate hanno gli ascensori, mentre sulla linea B tutte le fermate dovrebbero essere accessibili. Ma il condizionale è d’obbligo perché spesso montacarichi e ascensori non funzionano. Una volta raggiunta la città dalla periferia in cui vive la gincana continua: una corsa ad ostacoli fra gradini e barriere architettoniche, anche in zone recentemente ristrutturate. “Come Associazione Luca Coscioni – spiega l’avvocato Alessandro Gerardi – abbiamo denunciato alla Corte dei Conti la spesa doppia di denaro pubblico per una fermata di autobus a due passi dal Campidoglio prima ristrutturata e, dopo le nostre proteste, completamente rifatta per dotarla di scivoli”  di Annalisa Ausilio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Carta d’identità elettronica, l’Olanda non la riconosce: due italiani in cella

prev
Articolo Successivo

Siria, in Europa è emergenza profughi: “1.300 arrivi in Italia e Malta nel 2013”

next