Sorteggio in agrodolce per le italiane per la fase ai gironi della prossima Champions League 2013/2014. Si annuncia una grande sfida ItaliaSpagna, con Juventus e Milan che sono state sorteggiate rispettivamente con il Real Madrid e il Barcellona. Se per quel che riguardava la prima fascia le due italiane hanno pescato due tra le favorite per il titolo, l’urna è stata più benevola per le altre fasce: dalla terza, in particolare, – dove si trovavano anche il Borussia Dortmund vicecampione d’Europa e il temibile Manchester City -, non sono arrivate brutte sorprese. A completare il girone della Juventus sono infatti i turchi del Galatasaray e i danesi del Copenaghen; mentre al Milan toccano anche Ajax e Celtic Glasgow

Diversa la situazione del Napoli, che si troverà ad affrontare il suo girone senza i favori del pronostico: dovrà vedersela infatti con Arsenal, Olympique Marsiglia e Borussia Dortmund. Partendo dalla quarta fascia, comunque, i partenopei non potevano sperare molto di meglio. E la qualificazione, seppur difficile, resta alla portata.

Questa la composizione di tutti i gironi

Gruppo A: Manchester United, Shakhtar Donetsk, Bayer Leverkusen, Real Sociedad. 

Gruppo B: Real Madrid, Juventus, Galatasaray, Copenaghen. 

Gruppo C: Benfica, Paris Saint Germain, Olympiacos, Anderlecht. 

Gruppo D: Bayern Monaco, Cska Mosca, Manchester City, Viktoria Plzen. 

Gruppo E: Chelsea, Schalke 04, Basilea, Steaua Bucarest. 

Gruppo F: Arsenal, O. Marsiglia, Borussia Dortmund, Napoli. 

Gruppo G: Porto, Atletico Madrid, Zenit San Pietroburgo, Austria Vienna. 

Gruppo H: Barcellona, Milan, Ajax, Celtic Glasgow.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Calcio, il posto sul pullman dice chi è il capo dello spogliatoio

prev
Articolo Successivo

Dortmund, dai tifosi del Borussia campagna virale per far tornare Kagawa

next