A Pontida per la festa estiva del partito, il segretario della Lega lombarda Matteo Salvini torna sulla catena umana di solidarietà dei bagnanti del siracusano, che pochi giorni fa avevano soccorso dei migranti in difficoltà. L’esponente del Carroccio contesta le parole usate dai giornalisti, in particolare l’uso del termine “migrante” come stabilito dalla Carta di Roma e dall’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unchr).”Ma quali migranti? Quelli sono immigrati clandestini“, dice Salvini che prosegue attaccando il Presidente della Repubblica: “Napolitano non è il mio presidente”. Solo poche ore prima, dal suo profilo Facebook aveva scritto: “Napolitano dice che “la catena umana per i migranti nel mare di Siracusa fa ONORE ALL’ITALIA”.Che palle! Ora li manterrà il signor Napolitano?”  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Schiavi di una finta democrazia

prev
Articolo Successivo

“B. non ha futuro”, parola di Libero. Ma il Cavaliere risponde: “Non mollo”

next