Rapina a mano armata nella villa di Fregene (Roma) dell’onorevole Antonio Angelucci. Quattro uomini, forse romeni, armati e a volto coperto sono entrati nell’abitazione, sorvegliata da una guardia armata che è stata bloccata. Il vigilante è stato assalito alle spalle e poi legato con delle catene. Dentro l’abitazione c’erano la figlia di 4 anni di Angelucci e la tata romena.

Il deputato ed editore e la sua compagna erano usciti a cena con degli amici. Proprio la baby sitter ha detto di aver avuto l’impressione che la comprendessero. I malviventi hanno chiesto alla donna dove fosse la piccola, poi l’hanno picchiata, immobilizzata e portata al piano di sotto. Proprio mentre stavano tornando al piano di sopra e prendendo soldi e gioielli, un vicino di casa, messo in allarme dalle grida della donna, ha allertato i carabinieri e urlato a sua volta per allontanare gli aggressori. I banditi si sono impossessati della Ferrari dello stesso Angelucci e sono fuggiti via. La macchina è stata ritrovata in un campo a Palestrina, in provincia di Roma.

I carabinieri di Ostia stanno effettuando i rilievi sulla vettura alla ricerca di possibili tracce utili per risalire ai rapinatori.  Durante la notte sono stati ascoltati i testimoni e sono state avviate le ricerche. Non è escluso che i rapinatori volessero mettere in atto un sequestro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Animali, è legge la norma che vieta laboratori come Green Hill

prev
Articolo Successivo

Caso Kazakistan, Ablyazov “in detenzione provvisoria in attesa estradizione”

next