boicottaggio vodkaSeratina estiva al Cassero a Bologna o alla serata Muccassassina del circolo Mario Mieli ospitata da Roma Vintage alle Terme di Caracalla? Bene, buon divertimento. Ma sappiate che non troverete, dietro i banconi solitamente fornitissimi, nemmeno un goccio di vodka russa.

È l’efficace boicottaggio dei due circoli di cultura gay più famosi d’Italia per protestare contro le recenti leggi anti-omosessuali promosse dalla Russia di Vladimir Putin. Una scelta simbolica, ovviamente, ma che è solo un modo per porre l’accento sulle politiche sempre più sfacciatamente omofobiche e fascistoidi dello zar del Cremlino.

L’invito, ovviamente, è a un boicottaggio più ampio e generalizzato. Sui social network, è il Cassero a suonare la carica: «Invitiamo anche voi a intraprendere questa piccola battaglia. Non bevete vodka russa, non comprate vodka russa. Chiedete ai vostri bar preferiti e ai luoghi di villeggiatura che frequenterete di non darvela e non fornirsene più. E invitate i vostri amici e familiari a evitare qualsiasi tipo di turismo o anche semplice acquisto on-line con siti russi».

I boicottaggi, soprattutto quando non sono capillari, diffusi a livello globale o supportati da una possente campagna mediatica, quasi sempre lasciano il tempo che trovano. Ma l’iniziativa di Cassero e Mieli è un primo importante passo verso una presa di coscienza collettiva sempre più necessaria. Quello che Vladimir Putin sta facendo alla comunità LGBT russa è di inaudita gravità, con misure indegne di un paese democratico quale è (almeno ai nostri troppo benevoli occhi occidentali) la Russia.

Personalmente, farò la mia parte in questa battaglia evitando accuratamente qualsiasi prodotto proveniente dalla Russia. E per quel che riguarda la vodka, non disperate: dalla Svezia, paese friendly che più friendly non si può, ne arriva una ancora più buona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

20 anni di razzismo in Italia

prev
Articolo Successivo

Sette buoni motivi per difendere la Costituzione

next