La Fiat perde in Cassazione e adesso dovrà procedere di tre operai licenziati nel 2010. La sezione lavoro della Corte ha infatti respinto il ricorso dell’azienda contro la decisione della Corte di Appello di Potenza, che nel 2012 aveva reintegrato tre operai della Sata di Melfi (Potenza) licenziati dopo che, durante uno sciopero interno notturno, avevano bloccato un carrello per il trasferimento di materiali a chi non scioperava.

A comunicare la notizia sono l’avvocato della Fiom, Lina Grosso, e il segretario regionale dello stesso sindacato, Emanuele De Nicola. I tre operai – Giovanni Barozzino (dal febbraio scorso senatore di Sel), Antonio Lamorte e Marco Pignatelli – furono licenziati nel 2010. In un primo tempo il ricorso della Fiom era stato accolto, ma la Fiat ignorandolo non aveva mai fatto rientrare in fabbrica i tre dipendenti. Un anno dopo, un altro giudice aveva accolto il ricorso della Fiat, che quindi aveva fatto scattare il licenziamento, poi nuovamente revocato dalla Corte di Appello. Adesso sulla vicenda arriva la parola definitiva della Cassazione.

Esulta il leader della Fiom, Maurizio Landini: “Oltre alla Costituzione in fabbrica è entrata anche la giustizia e sarebbe un atto di saggezza, per ricostruire un clima di relazione industriali serie, abbandonare ogni discriminazione contro la Fiom”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il costo del lavoro: per un pugno di euro

next
Articolo Successivo

Landini: “Fiat non vuole rispettare verdetto Consulta”. “Strumentalizzatore”

next