Ad un anno esatto di distanza dall’arresto per disastro ambientale, sono tornati in libertà il patron dell’Ilva, Emilio Riva, suo figlio Nicola e l’ex direttore dello stabilimento di Taranto, Luigi Capogrosso. Ai tre è stata notificata un’ordinanza del gip del Tribunale di Taranto Patrizia Todisco.

Il provvedimento è stato adottato per decorrenza dei termini di custodia cautelare. Ai tre indagati è stato comunque imposto l’obbligo di dimora e, per Emilio Riva e Capogrosso, il divieto di espatrio. I tre erano stati arrestati il 26 luglio 2012 nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Taranto che quel giorno portò anche al sequestro degli impianti dell’area a caldo del Siderurgico. Ad Emilio Riva e a Capogrosso, il 26 novembre 2012, è stata notificata una seconda ordinanza per gli stessi reati ma con la contestazione anche dell’associazione per delinquere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’obsolescenza programmata: un crimine contro l’ambiente

next
Articolo Successivo

Ilva Taranto, un anno fa il primo sequestro: da allora a oggi nulla è cambiato – le tappe

next