Nell’antica Mesopotamia veniva praticata la prostituzione sacra. Come ci racconta Erodoto, giovani donne andavano nel tempio per consacrarsi alla dea madre e per un giorno intero si concedevano a sconosciuti che poi lasciavano una somma di danaro. Il denaro però non era il perno dell’atto sessuale: fare sesso con chiunque fosse capitato in quella giornata voleva dire comportarsi come la dea madre della fertilità, che è per sua natura “umida” e ricettiva come la madre terra.

Anticamente esistevano anche riti sessuali che richiamavano le nozze sacre e l’unione fisica tra uomo e donna simboleggiava la sacra Unione tra cielo e terra, tra maschile e femminile. Più avanti nei secoli apparvero nelle corti europee le cortigiane, alcune divennero talmente famose e influenti da cambiare il corso della storia. Le cortigiane preferite dai sovrani non erano solo belle ma intelligenti e abili culturalmente. Durante il periodo in cui pullulò l’eresia al livello religioso, sette come quella degli anabattisti, predicavano l’amore libero e libertario in contrapposizione ai dogmi restrittivi e castranti di Santa romana chiesa. Nel ‘68 poi scoppiò l’amore libero, si teorizzò la coppia aperta e filosofi e sociologi  si riferirono anche alle teorie freudiane per criticare la rigidità sessuale madre di tutte le nevrosi.

La storia della sessualità ha radici profonde ma non è mai stata disgiunta dal concetto di seduzione e desiderio. Il porno è sesso senza erotismo perché non coinvolge la mente e la seduzione che vuol dire ” portare a sé”. C

osa accade quando culturalmente prevale un modello di prostituzione intellettuale e fisica? Che si perde completamente persino la scissione tra sesso mercenario e sesso con desiderio. La mistificazione diventa così pervasiva che si perde il senso di realtà. Ogni regime mistifica la realtà piombando nel regno dello “pseudo”, del relativo, dell’ambigua menzogna.

È quello che sta accadendo nella narrazione berlusconiana dove persino l’atto prostituivo diventa ciò che non è e si confonde con stile di vita. L’amore libero, il sesso libero, nulla hanno a che fare con l’insaziabile e maniacale appetito di un priapo senescente. Quella non è libertà.

Una donna può scegliere di usare mezzi fisici per ottenere aiuti materiali ma non è culturalmente sano far credere ad una nazione che quella scelta sia altro. La menzogna non ha solo a che fare con l’immoralità che qui poco ci interessa (gli istinti primari sono sempre immorali), ma con la perniciosa narrazione culturale che il berlusconismo diffonde.

Nel regno della menzogna e della mistificazione non può convivere il concetto di libertà, perché la libertà vera è quella che rivendica un diritto: il diritto di desiderare. Allora invece di mentire, le olgettine e affini farebbero meglio ad ammettere quel che volevano ottenere durante ” le cene eleganti”. Il cavaliere da parte sua cerca di non finire in galera ma la sua galera mentale la sta scontando vivendo. Libertà è desiderare, amare emozionandosi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Crisi, sempre più italiani chiedono aiuto alla Caritas. In calo gli stranieri

prev
Articolo Successivo

Chiedetelo a loro (che fine hanno fatto i vostri soldi)

next