Associazione a delinquere, aggravata dal carattere della transnazionalità e finalizzata alla commissione di reati fiscali, riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori. Per questo i finanzieri del Comando provinciale di Milano hanno sequestrato 44 immobili per un valore di circa 10 milioni di euro.

La misura cautelare è stata disposta dal gip di Milano Franco Cantu’ Rajnoldi e richiesta dal pubblico ministero Bruna Albertini. I sequestri sono in corso in provincia di Milano, Varese, Genova, Sassari e Pavia. L’operazione, chiamata ‘Specchio di Venere’ riguarda degli indagati. L’indagine della Procura milanese avrebbe permesso di accertare un sistema di frode fiscale nel settore del commercio dei metalli che avrebbe prodotto un’evasione all’erario di oltre 300 milioni di euro.

Nei mesi scorsi, nell’ambito della medesima indagine, sono state eseguite sette ordinanze di custodia cautelare, di cui sei in carcere e una ai domiciliari. Sequestrato, già nei mesi scorsi, anche un ingente patrimonio mobiliare ed immobiliare, per un valore di circa 25 milioni di euro. Tra i beni, due immobili industriali ed un supermercato; 40 immobili ubicati in varie province italiane; venti tra autovetture e mezzi da trasporto merci; quote societarie, conti correnti e strumenti finanziari per circa 4 milioni di euro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Valtur, Panorama: “Vacanze a scrocco spunta il nome di Grillo”

prev
Articolo Successivo

Riti religiosi “per bimbi mai nati”, “dopo 24 ore i genitori non hanno più diritti”

next