Secondo l’Unhcr, Alto commissariato per i rifugiati delle Nazioni Unite, sono circa 500mila i profughi siriani in Libano. Le associazioni umanitarie denunciano invece un numero molto più alto, oltre il milione. La differenza sta nei siriani benestanti che non si sono registrati presso l’Onu e in coloro che non si sono presentati presso gli uffici dell’Unhcr perché entrati in Libano illegalmente. A queste due categorie vanno aggiunti circa 40mila palestinesi che nel 1948 fuggirono in Siria e che da allora erano lì rifugiati, e che ora sono in nuovamente in fuga. Il Libano non vuole che le Nazioni Unite installino dei campi di accoglienza, come sta avvenendo in tutti i paesi vicini dalla Giordania, alla Turchia. Il governo di Beirut ha infatti paura che si possa verificare con i siriani una situazione analoga a quella avvenuta nel 1948 con la creazione dello stato israeliano, e la conseguente fuga di centinaia di migliaia di profughi che si stabilirono in Libano, modificando il delicato equilibrio confessionale dello Stato  di Cosimo Caridi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I bambini precocemente adulti dei marchi di moda

prev
Articolo Successivo

Diritti gay, Pd discute ma non fa proposte. Il Pdl sfrutta il vuoto e si intesta la battaglia

next