Nuova aggressione agli operatori del 118 a Roma. Ieri sera a San Basilio l’infermiere, l’autista e il barelliere di un’ambulanza, accorsa nel quartiere per soccorrere un cittadino in codice rosso, sono stati aggrediti. Dopo l’aggressione gli operatori sono stati assistiti e medicati al Pronto Soccorso dell’Ospedale S.Pertini.

Ne dà notizia il segretario generale Fp Cgil di Roma e Lazio, Natale Di Cola, chiede quindi “alle aziende e alle istituzioni locali e nazionali un intervento urgente per contrastare tanta violenza, perché Roma non se lo merita. Abbiamo scritto una lettera – spiega Di Cola – all’azienda e a tutte le istituzioni nazionali e locali richiedendo un intervento urgente per favorire azioni utili e non più rinviabili per contrastare tanta vile violenza. Adesso – continua il segretario – servono atti concreti, non possiamo più lasciare da soli lavoratrici ed i lavoratori che ogni giorno scendono in strada per garantire i servizi pubblici, per difendere un bene comune quale il diritto alla salute”.

Le aggressioni agli operatori del 118, come quella avvenuta il 12 giugno scorso, sono ormai all’ordine del giorno “e non sono più – sottolinea Di Cola – in alcun modo sostenibili. Nonostante quest’atto violento l’equipaggio, dimostrando coraggio e estrema professionalità, è riuscito comunque a trasportare il paziente all’ospedale per le cure del caso. Purtroppo ogni parola, anche di solidarietà e di circostanza, non è più sufficiente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Brescia, frana in una cava di marmo. Padre disperso e figli feriti

prev
Articolo Successivo

Farmaco contraffatto, talpa all’Iss: arrestati sapevano di ispezione

next