Le verifiche tributarie disposte dal Comune di Ravenna su Ici e Imu versate dal ministro Josefa Idem sono state completate. Ma “l’ordinamento legislativo e normativo in materia non mi consente di divulgare questi dati, possibilità che hanno solamente le persone destinatarie”. Lo riferisce il sindaco Fabrizio Matteucci in una nota nella quale spiega di avere così risposto “alle domande contenute nell’interrogazione del consigliere Pdl Alberto Ancarani”, coordinatore provinciale del partito, riguardanti “l’edificio dove risiede il ministro Idem”.

In particolare Ancarani, partendo da un’inchiesta apparsa sulla stampa locale, aveva chiesto se fossero stati avviati accertamenti tributari alla luce del fatto che l’olimpionica Idem, in passato assessore comunale allo Sport della città romagnola, “secondo l’elenco degli elettori del Comune di Ravenna” sarebbe “residente in un locale adibito a palestra” nella frazione di Santerno, a poche centinaia di metri “dove risulta residente il marito-allenatore Guglielmo Guerrini”.

Secondo il sindaco, gli accertamenti erano già stati “autonomamente avviati dagli uffici competenti”. Al momento tuttavia i risultati non sono stati divulgati perché, “come in tutti i casi simili, l’azione dell’Amministrazione e degli uffici competenti è ispirata ai principi dell’imparzialità e dell’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge”. Matteucci ha però richiamato, “per ragioni di trasparenza e imparzialità”, le norme “che consentono ai consiglieri comunali l’accesso agli atti”. Al momento risulta che già alcuni consiglieri abbiano fatto domanda in questo senso, ma non verranno in possesso dei dati prima di inizio settimana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Occupy Pd, Zampa: “Riflettere su nuove maggioranze”

next
Articolo Successivo

Rapporto M5S e stampa. Padellaro: “Basta con i vittimismi”

next