Le verifiche tributarie disposte dal Comune di Ravenna su Ici e Imu versate dal ministro Josefa Idem sono state completate. Ma “l’ordinamento legislativo e normativo in materia non mi consente di divulgare questi dati, possibilità che hanno solamente le persone destinatarie”. Lo riferisce il sindaco Fabrizio Matteucci in una nota nella quale spiega di avere così risposto “alle domande contenute nell’interrogazione del consigliere Pdl Alberto Ancarani”, coordinatore provinciale del partito, riguardanti “l’edificio dove risiede il ministro Idem”.

In particolare Ancarani, partendo da un’inchiesta apparsa sulla stampa locale, aveva chiesto se fossero stati avviati accertamenti tributari alla luce del fatto che l’olimpionica Idem, in passato assessore comunale allo Sport della città romagnola, “secondo l’elenco degli elettori del Comune di Ravenna” sarebbe “residente in un locale adibito a palestra” nella frazione di Santerno, a poche centinaia di metri “dove risulta residente il marito-allenatore Guglielmo Guerrini”.

Secondo il sindaco, gli accertamenti erano già stati “autonomamente avviati dagli uffici competenti”. Al momento tuttavia i risultati non sono stati divulgati perché, “come in tutti i casi simili, l’azione dell’Amministrazione e degli uffici competenti è ispirata ai principi dell’imparzialità e dell’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge”. Matteucci ha però richiamato, “per ragioni di trasparenza e imparzialità”, le norme “che consentono ai consiglieri comunali l’accesso agli atti”. Al momento risulta che già alcuni consiglieri abbiano fatto domanda in questo senso, ma non verranno in possesso dei dati prima di inizio settimana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Occupy Pd, Zampa: “Riflettere su nuove maggioranze”

next
Articolo Successivo

Rapporto M5S e stampa. Padellaro: “Basta con i vittimismi”

next