Bambole non c’è una lira, si diceva in tv negli anni 70. Che è poi il motivo per cui, da sempre, non si costruiscono carceri. Dal che consegue che i delinquenti devono essere scarcerati; ovvero e meglio, nemmeno ci devono entrare in prigione: non c’è posto dove metterli.

Per conseguire questo risultato è stato fatto molto nel corso degli anni e oggi delinquere è praticamente gratis nel 99% dei casi. Allo stato non si va in carcere se si è condannati fino a 6 mesi di prigione: si pagano 6.840 euro; fino a 1 anno (se non si può avere la sospensione condizionale della pena): libertà controllata, devi abitare nel tuo comune di residenza e farti vedere ogni tanto dalla polizia; fino a 2 anni (se non si può avere la sospensione condizionale della pena): semidetenzione, puoi farti i fatti tuoi di giorno e tornare a dormire di notte in prigione, insomma ti risolvono il problema dell’alloggio; fino a 2 anni: sospensione condizionale della pena: se per 5 anni non commetti un altro delitto la fai franca; fino a 3 anni: affidamento in prova al servizio sociale, ti trovano un lavoro e ti pagano; in cambio non devi commettere reati; che è un bel sistema per risolvere il problema della disoccupazione; fino a 4 anni: detenzione domiciliare, stai a casa tua, magari nella villa di famiglia e la Polizia (che non ha altro da fare) ti controlla ogni tanto; quando hai scontato metà della pena (ti hanno ficcato 15 anni e ne hai fatti 7 e mezzo): semilibertà che è come la semidetenzione, di giorno a spasso e di notte dormi in prigione

A tutto ciò va aggiunto che, tra permessi vari e legge Gozzini (un anno di prigione sono 9 mesi perché, se non ti comporti male – non se ti comporti bene, se non fai troppo casino – ti abbuonano 3 mesi: per dire, 3 anni sono in realtà 2 anni e 3 mesi), le pene inflitte dai giudici diventano in pratica la metà: 10 anni sono poco più di 6, 20 poco più di 11 e via così. Perciò, quando si arriva (arrivava) a 3 anni, fuori di galera e, mi raccomando, state bravi.

Dovete sapere ancora un’altra cosa: i reati puniti con più di 6 anni di prigione sono pochissimi: droga, rapine, violenze carnali, sequestri di persona e, naturalmente omicidi. 

Tutti gli altri, in particolare corruzione, frode fiscale, falso in bilancio, truffe, abuso d’ufficio, inquinamento, frodi comunitarie etc hanno pene massime tra i 3 e i 6 anni e, nella pratica, nessuno si becca più di 3 anni. Sicché delle prigioni conoscerà solo le cancellate esterne.

Però, ogni tanto, qualche persona dotata di spiccata capacità delinquenziale, potrebbe essere punita con pene intorno a 6 anni per questi reati, diciamo così, da classe dirigente, i celebri ricchi che rubano.

Roba da far tremare i polsi, qui si finisce in galera! Che problema c’è? Il nuovo governo di larghe intese ha proposto una legge (di cui, in questo momento di tranquillità economica e sociale, davvero si sentiva il bisogno): la detenzione domiciliare potrà applicarsi anche a pene fino a 6 anni. Parlamentari corrotti e mafiosi, presidenti di tutto un po’ (regioni, provincie, autorità, consigli di amministrazione …) gente che conta, statevene tranquilli: male che vada, se non avete una villa, un palazzo, un buen retiro da un paio di miliardi di euro, vi ospiteranno di sicuro i i vostri colleghi. Solidarietà, che diamine!

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Fondi Viminale, arrestato ex prefetto. “Indicibile beffa per cittadini”

prev
Articolo Successivo

Ingroia lascia la toga, rilancia il suo impegno politico e invia messaggi a Grillo

next