Come scrive il blog di Beppe Grillo, «il cammino del MoVimento 5 Stelle all’interno delle istituzioni è lento ma inesorabile». L’M5S ha infatti conquistato due dei tre comuni in cui è andato al ballottaggio: ha vinto a Pomezia (Roma), dove è diventato sindaco Fabio Fucci, e ad Assemini (Cagliari), dove primo cittadino sarà Mario Puddu. Unico incidente di percorso l’insuccesso di Antonio Santoliquido, candidato a Martellago, dalle parti di Venezia, fermatosi al 31,9% contro il 68,1%, della candidata del Pdmenoelle, Monica Barbiero, appoggiata dalla stampa nazionale, dalle banche e dalla Quinta flotta americana nel Pacifico.

I parlamentari grillini – senza differenze fra minacciati di espulsione, sottoposti alla gogna mediatica e bacchettati sulle dita – hanno esultato per la vittoria. «Pomezia ed Assemini: Comuni a 5 Stelle!“, scrive su Facebook il deputato Alessio Villarosa. La deputata Emanuela Corda invece commenta: «È storia ad Assemini, unico comune sardo a 5 stelle. Assemini come Parma, Mario Puddu come Pizzarotti! Tutti a casa!». Questi trionfi, in effetti, non solo smentiscono i giuda traditori che hanno abbandonato il MoVimento al solo fine di tenersi gli stipendi da parlamentari, e che già banchettavano a pizza e fichi, ma soprattutto mettono definitivamente a tacere i falsi amici, come Andrea Scanzi, Pippo Civati e – ultimo, e meno importante – il sottoscritto.

Come sempre, vince la strategia di Beppe: candidare perfetti sconosciuti, insultare gli avversari, soprattutto minacciare i giornalisti, i dissidenti e gli ex candidati Presidenti della Repubblica. Ormai è chiaro che la profezia di Casaleggio sta per avverarsi: ancora pochi secoli, e i Cinque Stelle avranno il cento per cento dei voti, forse anche qualcosa di più. Dinanzi al trionfo, ancora più catastrofico appare il bilancio elettorale del Pdmenoelle: già costretto a governare il paese, dilaniato dalle faide interne e travolto dagli scandali, stavolta ha dovuto accontentarsi di sedici comuni capoluogo di provincia su sedici, fra i quali spicca per irrilevanza una cittadina decaduta del Lazio, che qualcuno si intestardisce a chiamare Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crollo Pdl: “Torniamo a Forza Italia”. Santanché: “Pronto un nuovo modello”

next
Articolo Successivo

Ballottaggi, sventole siciliane e vocazione a farsi male

next