Possibile aumento dell’Iva a fine anno. Parola del ministro per le Infrastrutture, Maurizio Lupi, che ha definito “plausibile” l’ipotesi di uno slittamento del rincaro dell’imposta sul valore aggiunto a dicembre.

“Abbiamo dato due obiettivi”, ha spiegato il ministro, a Bologna per l’inaugurazione della nuova stazione alta velocità. “Il primo era quello di eliminare l’Imu sulla prima casa e ci siamo dati tempo al 30 agosto, il secondo era quello di evitare l’aumento dell’Iva. La priorità di questo governo è ridare slancio alla crescita e quindi speriamo che questo rincaro non sia fatto e possa essere dato un segnale urgentemente forte”.

Perché “questo è un governo che si misura sui fatti e speriamo di dare un segnale immediatamente positivo”. Questa fase storica che stiamo attraversando, ha aggiunto, “ci può far guardare anche a un modo di affrontare la politica diverso”.

Parlando dal palco, il ministro ha infine ringraziato Romano Prodi e Pier Luigi Bersani, tra gli ospiti, e parlando ai presenti ha detto che si deve smettere che ogni governo butti “a mare” quello che ha fatto il precedente. “Dobbiamo smetterla – ha ribadito a margine – e superare la guerra continua. Ogni governo fa il possibile per dare il proprio contributo perché l’Italia possa stare meglio”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crisi, 5 milioni di italiani in meno in vacanza. Male settore alberghiero

next
Articolo Successivo

Fiat, ovvero uno strano concetto di competitività

next