Nuovo sciopero dei mezzi pubblici nelle maggiori città italiane. Oggi, lunedì 3 giugno, sono previsti disagi per chi si muove in autobus, tram e metropolitana. L’agitazione di 24 ore è stata indetta dal sindacato O.S. FAST-CONFSAL e si svolgerà in base a diverse modalità territoriali.

Le fasce di garanzia previste città per città:

MILANO
ATM garantisce le fasce da inizio servizio alle 8.45 e dalle 15 alle 18.

ROMA
Le corse ATAC di autobus, tram, filobus, metropolitane e ferrovie Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-ViterboServizio sono garantite da inizio servizio alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Nella notte tra domenica 2 e lunedì 3 giugno sono a rischio le corse delle linee notturne da N1 a N27.

TORINO
Il servizio urbano e suburbano è garantito da GTT dalle 6 alle 9 e dalle 12 alle ore 15. Le autolinee extraurbane da inizio servizio alle ore 8 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30. Le linee sfm1 Pont-Rivarolo-Chieri (ferrovia Canavesana) e sfmA Torino-Aeroporto-Ceres sono garantite da inizio servizio alle 8 e dalle 14.30 alle 17.30.

NAPOLI
Fasce orarie garantite da ANM: 5.30 – 8.30 (ultima partenza ore 8.00) e 17 – 20 (ultima partenza ore 19.30).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sciopero trasporti Roma, 24 maggio 2013: orari e modalità

prev
Articolo Successivo

Sciopero treni 8-9 giugno, sospeso dal sindacato Or.S.A.

next