Sul finanziamento pubblico ai partiti c’è stato “l’inizio di un processo compromissorio, ma non sono così fiduciosa che l’arrivo del ddl in parlamento migliori o chiarisca la situazione”. “Per questo credo che i radicali potrebbero lanciarsi in una nuova campagna referendaria” per abrogarlo. Ad affermarlo non è stato un parlamentare qualunque, bensì un ministro del governo Letta, Emma Bonino, che ha parlato ai microfoni di Radio Radicale, rilanciando una storica battaglia del suo partito nonostante l’adesione all’esecutivo di larghe intese.

“Penso che tutta la parte servizi alla buona politica debba essere integrata e debba essere rafforzata. Ci sono poi altri punti che hanno visto il Consiglio dei ministri su posizioni molto diverse. Vedremo adesso la sintesi che ne farà il presidente Letta, ma è indubbio che ci sono posizioni molto distanti che riguardano il finanziamento della politica”, aveva detto in mattinata. ”Assumere dei rischi in base alle proprie convinzioni è il fondamento di una politica dei valori, altrimenti facciamo un consiglio di amministrazione e vediamo quale è la maggioranza”, ha aggiunto il ministro degli Esteri.

“Credo poi che per un Paese sia molto salutare cominciare a discutere non tanto sui dati protestatari e demagogici, ma su quelli che sono i problemi veri del Paese, quindi per esempio la questione illegalità, la questione immigrati, la questione finanziamento pubblico, dei diritti civili perchè la politica non si esaurisce nè al governo, nè solo in Parlamento. I cittadini organizzati sono anche, in base alla Costituzione, elementi protagonisti della politica democratica del Paese. Se poi le cose vanno già per la maggiore è inutile chiamare i cittadini o aprire un dibattito. Invece, la forza della politica è proprio quello di affrontare quei temi che a volte la classe o i partiti non hanno voglia di affrontare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

2 giugno, Napolitano: “I partiti non mettano a rischio stabilità istituzioni”

prev
Articolo Successivo

Riforme, Letta: “Mai più capo elezione del capo dello Stato con le vecchie regole”

next