Aveva finto di esserne il padre e aveva portato in Italia un bambino di origine thailandese di 10 anni con cui viveva. Un uomo di 60 anni è finito in manette a Milano con l’accusa di pedopornografia e alterazione di segni dello Stato. L’uomo aveva ingannato l’ambasciata di Bangkok, attestando di essere il padre del bimbo portato in Italia quando aveva 3 anni e che poi il 60enne aveva fatto naturalizzare. 

L’uomo era dedito a viaggi sessuali in Thailandia ed era già stato arrestato per molestie su minori. L’arresto è stato predisposto dal pm Giovanni Polizzi e al momento dell’arresto da parte degli investigatori del Nucleo di Milano, il bimbo è stato affidato a dei parenti. Non è chiaro, specificano i carabinieri, se anche il bimbo sia stato abusato, ma ciò che è certo è che tra i due non ci sia nessun legame biologico e che nell’abitazione dell’uomo sia stato ritrovato molto materiale pedopornografico. Il bambino verrà ascoltato nei prossimi giorni.

Tutto è partito da una confidenza di un altro giovane. Il ragazzo, che all’epoca dei fatti raccontati era minorenne, avrebbe detto di non voler “che quel bambino passasse quello che aveva passato lui”, parlando di molestie ricevute dallo stesso uomo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alessandro Pansa, chi è il nuovo capo della Polizia

prev
Articolo Successivo

Tav, i comuni: “Costi per forniture e acqua troppo alti”, ma Ltf: “Colpa delle violenze”

next