Intervista esclusiva di Sara Giudice per “Punto e a capo”, su Class Tv, all’ex ministro Elsa Fornero. Durante la discussione, viene mandato in onda l’appello di Tommaso Lascaro, un esodato che “ufficialmente” era stato salvaguardato dal ministero del Lavoro e inserito tra i 120mila lavoratori “salvati”. Ma dall’8 luglio 2013, come lui stesso denuncia, non riceverà più stipendio, nè pensione, perchè ha ricevuto la risposta negativa dall’Inps. “Non c’entra nulla questa salvaguardia” – è stata la replica dell’ente a Tommasco Lascaro – “siamo noi che decidiamo”. “Chiedo alla dottoressa Fornero” – conclude Tommaso – “se può l’Inps rispondere così genericamente e in questo modo a un lavoratore che ha versato quarant’anni di contributi? Dall’8 luglio sarò a reddito zero e vorrei sapere da lei cosa fare”. Alla richiesta di chiarimenti, l’ex ministro dà una risposta polemica contro i vertici dell’Inps: “Quella risposta data all’esodato andrebbe sanzionata”. E precisa: “Di Lascaro non ho visto la pratica. Sui casi singoli bisogna vedere anche la storia retributiva e contributiva, quindi adesso io non posso assicurare che lui sia incluso tra i “salvati”. Se mi manda i dati con qualche precisione” – continua – “anche se non sono più ministro, vedrò di informarmi”. Quando, però, viene incalzata sul tema degli esodati, l’ex ministro si irrita: “Su questo argomento abbiamo già parlato molte volte, noi abbiamo salvaguardato 130mila persone, con questo abbiamo risolto il 2013 e il 2014 e tutti gli accordi collettivi fino al 2020”. E conclude: “Purtroppo è una situazione di cui non sono orgogliosa, ma è successo. Basta

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Napolitano: “Ritardo su disoccupazione giovanile, ma non solo in Italia”

next
Articolo Successivo

Bruxelles, fuga dall’Italia per uno stage Ue. “Più 30% di ragazzi emigrati”

next