La scure di Moody’s si abbatte sull’Italia. L’agenzia di rating ha tagliato di un gradino, a ‘Ba1’ da ‘Baa3’, la valutazione su Campania, Piemonte e Sicilia. Mentre il rating del Lazio è stato rivisto al ribasso di due gradini, a ‘Ba2’ da ‘Baa3’. L’outlook è negativo per tutte e quattro le regioni.

Il downgrade “riflette i crescenti timori sulla loro posizione finanziaria”, ha spiegato l’agenzia, sottolineando che “i tagli alle risorse dovuti all’austerity stanno mettendo sotto pressione i bilanci delle regioni, traducendosi in una rigidità fiscale“. Anche dal mondo finanziario arriva quindi un avvertimento contro l’eccessivo rigore, dopo gli avvisi della Corte dei conti, del Fondo monetario internazionale e del presidente della Commissione Ue.

Moody’s ha tuttavia precisato che “le pressioni di liquidità in atto hanno contribuito all’accumulo di debiti commerciali”, suggerendo che “le regioni dovranno probabilmente risanare ulteriormente i propri conti, anche con una razionalizzazione delle spese e un aumento delle tasse“.

Per quanto riguarda la Campania, l’agenzia americana ha spiegato che “è esposta a un contesto socio-economico fragile, come mostra il pil pro capite sotto la media nazionale e gli elevati livelli di disoccupazione“, mentre il Lazio “è la regione che si trova a far fronte ai “maggiori livelli di pressione finanziaria“. Il rating del Piemonte, invece, “riflette le deboli finanze della regione, confermate dall’ampio squilibrio di bilancio e dal debole profilo di cash flow”.

Moody’s ha osservato infine che “il Piemonte resta esposto a rischi legali e finanziaria in seguito alla decisione dello scorso anno di cancellare cinque contratti swap su 1,86 miliardi di dollari di debito”, mentre “il taglio del rating della Sicilia conclude la revisione iniziata lo scorso anno e riflette il deterioramento della performance operativa e il deficit di bilancio legati a entrate in stagnazione e un profilo di spesa rigido”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi, nel primo trimestre 2013 avviate 3500 procedure di fallimento (+12%)

prev
Articolo Successivo

Italia, Ocse taglia ancora le stime del Pil: “Rischi soprattutto dalle banche”

next