Anche l’Emilia Romagna, terra di partecipazione e passione politica, volta le spalle ai partiti. E nelle prime elezioni dopo la nascita del governo delle larghe intese, diserta le urne. Affluenza in picchiata un po’ ovunque, nei comuni dove si decide il sindaco. Da Imola a Salsomaggiore la tendenza rispecchia quella nazionale, dove le percentuali sono ai minimi storici.

A Imola, nel Bolognese, dove si vota per il rinnovo del sindaco e del consiglio comunale, alle 22 i numeri parlano di 24750 elettori, pari al 45,4% degli aventi diritto. Un crollo se si confronta con i dati delle scorse amministrative: nel 2008 alla stessa ora l’affluenza era ferma al 71,5% della popolazione (si votò insieme alle politiche). In calo anche rispetto alle politiche dello scorso febbraio: alle 22 di domenica 24 febbraio aveva votato il 68,78% degli elettori.

Roccaforte del Pd, oggi Imola è a rischio tsunami 5 stelle. Sul voto pesa un’incognita mai provata nella storia amministrativa della città, dove si sono alternati sindaci targati Pci, Pds, Ds e Pd. Il candidato del partitone è Daniele Manca, 44 anni, sindaco uscente con un passato da consigliere regionale e un presente da delfino del presidente della regione, Vasco Errani. La sua vittoria è messa a rischio da Claudio Frati, candidato del Movimento 5 Stelle, classe 1966, in pole position per il ballottaggio.

Spostandosi a Parma le percentuali cambiano, ma il dato politico rimane lo stesso. Salsomaggiore, in provincia di Parma, registra un’affluenza del 43,07% degli aventi diritto. Circa 7 punti percentuali in meno rispetto alle elezioni precedenti, quando alle 22 l’affluenza fu del 50,64%. Un po’ meglio a Solignano, sempre in provincia di Parma, dove il calo è di circa 3 punti (da 20% a 17%). Stesso discorso in provincia di Modena. Qui Camposanto arriva ad un debole 53% e Serramazzoni registra il 49%, con un calo rispetto al 54% del 2009. Dal 66,1 % dell’ultima tornata al 55,13% invece per Polinago, realtà di 1800 anime nel modenese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni a Brescia, il Giro d’Italia e le difficoltà per arrivare ai seggi

next
Articolo Successivo

Astensione, il sociologo: “Colpa dell’indecente connubio di governo”

next