Ottiene un incarico a scuola scavalcando i colleghi in graduatoria e con una certificazione di invalidità falsa. Per questa ragione a Trapani è stato condannato a 8 mesi e 20 giorni (pena sospesa) il capogruppo del Pd al Consiglio comunale di Alcamo, Antonino Fundarò, 45 anni e, tra l’altro, promotore di manifestazioni per la legalità. All’autocertificazione presentata all’ufficio scolastico provinciale, Fundarò aveva allegato un documento che attestava un’invalidità diversa da quella riconosciuta dall’autorità sanitaria.

E il “trucco” del 70 per cento al posto del 34 per cento, ha permesso di ottenere quel punto in più per risalire la lunga graduatoria e vincere l’incarico pubblico. A sospettare le irregolarità e a denunciarle è stata un’altra docente, quella alla quale Fundarò aveva “soffiato” il posto. Il pm Di Sciuva ha chiesto la condanna, e il gup Fontana ha deciso che dovrà risarcire la parte civile, ovvero la docente “scavalcata”. Lui si difende e preannuncia ricorso.

Fundarò è un personaggio molto in vista a livello locale, motivo per cui quella invalidità così alta non è risultata credibile, specie in un centro piccolo come Alcamo. Ama presentarsi come professionista serio, attento e preparato e sfodera una lunga serie di incarichi e riconoscimenti. Inoltre è lui stesso a ricordare, nel curriculum online, che è dottore in Scienze politiche internazionali a Palermo, dottore in Scienze giuridiche a Roma e dottore honoris causa in Scienze della comunicazione e dell’educazione. Avrebbe anche conseguito un master alla Western States University in Texas, è ricercatore e presidente nazionale dell’Andri, Associazione Nazionale Dottori di Ricerca Italiani. E ancora Cavaliere di merito con placca del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio, pubblicista, segretario dell’associazione europea degli insegnanti. Scrive anche di avere lavorato come ufficio stampa per i compagni di partito, l’ex sindaco Scala e l’ex senatore Papania, e oggi è presidente anche di un Rotary Club di Castellammare del Golfo in provincia di Trapani

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Luraghi, affari pericolosi se c’è la ’ndrangheta

next
Articolo Successivo

Un parlamento non è un refugium peccatorum, parola di speaker

next