Si è chiuso il primo sondaggio in cui gli utenti sostenitori del fattoquotidiano.it hanno scelto i temi che vogliono vedere sviluppati sul sito. Hanno votato quasi 700 lettori e l’inchiesta arrivata al primo posto, che sarà realizzata da David Perluigi e Antonio Massari, riguarda gli sprechi nella sanità. Anche gli altri temi, però, dal settore immobiliare alla criminalità organizzata, saranno tenuti in considerazione e martedì 21 maggio verranno presentate online, sempre a chi ha sottoscritto l’abbonamento al sito, altre idee tra cui scegliere. 

Gli utenti sostenitori possono inoltre consultare tutti gli articoli dell’archivio cartaceo 7 giorni dopo la loro pubblicazione, partecipare alla diretta streaming della riunione di redazione settimanale e inviarci i post che saranno poi pubblicati sul blog Utente Sostenitore. Uno spazio che nasce da un suggerimento degli stessi lettori e dove troveranno posto i contributi più interessanti, selezionati ogni giorno da Peter Gomez e dalla redazione. Per aderire alla campagna utente sostenitore e partecipare all’ideazione dei servizi sul fattoquotidiano.it, basta sottoscrivere un abbonamento volontario da 3 euro e 99 centesimi al mese o da 40 euro per 12 mesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rai, Tarantola: “L’Isola dei famosi e Miss Italia fuori dal servizio pubblico”

prev
Articolo Successivo

Gabanelli e le domande al M5S. Sul blog di Grillo parte la polemica contro Report

next