In disaccordo con la linea politica delle ultime settimane si è dimesso a Bologna il segretario dello storico circolo Pd della Bolognina Raffaello Badursi. Una scelta sofferta, arrivata dopo le ultime evoluzioni politiche. “Vogliamo maggiore partecipazione, che sia convocato al più presto il congresso”, ha commentato, “e soprattutto che venga ridiscussa la linea di tutto il partito”. 

Il comitato direttivo del circolo ha approvato un documento nel quale “manifesta e ribadisce la propria disapprovazione alla strategia che ha guidato il Partito Democratico nella scelta del Presidente della Repubblica” e chiede “che venga al più presto avviata la fase congressuale, al fine di costruire un partito capace di adottare medesime regole, modalità organizzative e stili di condotta in tutto il paese”. Proprio il circolo della Bolognina nei giorni scorsi aveva ospitato ‘Reset Pd’, un’iniziativa di rinnovamento promossa da alcuni assessori della giunta Merola alla quale aveva partecipato anche Paolo Prodi, figlio dell’ex premier.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Variante di valico, amianto negli scavi. “Quando piove, schiuma blu vola nell’aria”

prev
Articolo Successivo

Prodi a Parma: “E’ un fatto che io per questa Repubblica non esista”

next