“… Se la libertà è oggi umiliata o incatenata, non è perché i suoi nemici hanno usato il tradimento, ma perché i suoi amici hanno dato le dimissioni” sentenziava Albert Camus. Il fattoquotidiano.it cerca amici particolari, sostenitori per scatenare ancora di più la libertà di informazione.

Lavoro qui da un anno e una manciata di giorni. Ore e ore di fatica e risate, riunioni e scoop, adrenalina e a volte stanchezza. Ma la piccola redazione dell’online fa grandi numeri. Quando abbiamo superato per alcuni giorni la soglia di un milione di utenti unici abbiamo sorriso: “100mila per oguno di noi”. 

Pochi immaginano quanto lavoro ci sia dietro un giornale di carta e ancora meno quanto lavoro ce ne sia dietro uno digitale. E’ una creazione nell’accezione più ampia e bella che ci possa essere; mentre per la carta avviene una volta al giorno, noi qui siamo sempre in sala parto: pronti a sfornare il prossimo primo piano, a flashare l’ultima ora.

C’è la fase dell’ideazione, la scrittura o la lettura dei pezzi dei collaboratori, e infine la pubblicazione dopo aver scelto e tagliato una foto, fatto un titolo il più “arrapante” possibile. E mentre si fa questo tutto può cambiare, mentre si segue il giuramento del governo Letta bisogna informare – e bisogna farlo immediatamente – che un uomo in giacca e cravatta ha colpito due carabinieri. Bisogna essere veloci e veloci, tentare di essere precisi il più possibile, di essere diversi e originali. Per dare informazioni ci alziamo all’alba e a volte torniamo a casa tardissimo. E anche a Natale c’è un collega che aggiorna il sito. In questa corsa contro il tempo e contro gli altri può capitare qualche errore. Ma è sempre in buona fede.

Lavorare al sito del fattoquotidiano.it non è solo questo, è anche confronto sempre e comunque, è cercare e cercare e cercare ancora non solo la notizia ma la spigolatura o quello che altri non hanno visto o non vogliono vedere. Per farlo c’è bisogno di forza e risorse e amici speciali che ci sostengano.

Diventa utente sostenitore

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Internet: i politici chiedono leggi ma il problema è culturale

prev
Articolo Successivo

Andreotti morto, “Addio al patriarca della politica italiana”. La notizia all’estero

next