Storie disegnate e sceneggiature articolate: quando le parole non bastano per descrivere situazioni complesse e irrisolte della nostra storia, arrivano i graphic journalist, che alla passione per la scrittura hanno aggiunto quella per i fumetti. E’ il caso di Carlo Gubitosa, giornalista e direttore responsabile di Mamma!, rivista fondata con Mauro Biani: “Il rigore da applicare in questo nuovo genere non è minore di quello utilizzato delle forme più tradizionali di giornalismo”. All’interno dell’incontro “Mafia, ambiente e politica: quando il fumetto diventa cronaca del reale”, organizzato al festival del giornalismo di Perugiaè intervenuto anche Giuliano Pavone, che ha analizzato in “L’eroe dei due mari” il rapporto tra Taranto e la sua industria, prima in un romanzo e poi in una versione a fumetti. Insieme a lui anche il giornalista Marco Rizzo, che con Nico Blunda e il fumettista Giuseppe Lo Bocchiaro ha raccontato la storia di Mauro Rostagno, il cronista e sociologo ucciso il 26 settembre 1988 a Lenzi (Tp) in un agguato mafioso  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo Letta e l’agenda digitale

prev
Articolo Successivo

Topi di fogna

next