kafranbelEsistono morti di serie A e B? E’ possibile che 150 persone al giorno muoiano senza guadagnare la prima pagina di un giornale?

Gli abitanti di Kafranbel, nord della Siria, sono diventati noti grazie ai loro striscioni multilingue e i loro disegni irriverenti contro il regime siriano. Questi siriani usano, ancora oggi, l’ironia come arma, perché le parole, scritte su uno striscione e immortalate in uno scatto poi caricato sui social network, possono arrivare lontano…addirittura negli Usa. Il 19 aprile gli abitanti di Kafranbel hanno scritto su uno stiscione: “Le bombe di Boston rappresentano una scena dolorosa di quello che accade tutti i giorni in Syria. Accettate le nostre condoglianze“.

Non so se questi siriani, abbandonati a se stessi, mentre scattavano quella foto davanti a delle macerie, pensavano di ricevere una risposta. Eppure, grazie a Facebook, alcuni ragazzi di Boston hanno risposto a quei giovani siriani. Questi ragazzi così lontani tra di loro, si sono ritrovati insieme accomunati da un dramma e da una reciproca solidarietà.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Boston, i terroristi ragazzini vittime dell’ipocrisia mondiale

next
Articolo Successivo

Attentato Boston, “i due fratelli pronti a colpire ancora”. Grave il sospetto

next