Matteo Renzi sfida Silvio Berlusconi: “Ho sentito che si ricandida a premier, mi piacerebbe sfidarlo”, ha affermato al Tg5 il sindaco di Firenze, ormai sempre più allo scontro con il segretario del Pd Bersani. Quanto a Berlusconi, alcuni “lo vogliono mandare in galera, ma io lo voglio più semplicemente mandare in pensione”. 

E ce n’è anche per Bersani, che ieri aveva bollato come “indecente” l’appello dell’ex rottamatore a “fare presto” per dare un governo al Paese. “Mi spiace che Bersani cerchi l’insulto e l’accusa per di più tra persone dello stesso partito”, si è lamentato Renzi. “Io ho soltanto detto insieme a tanti altri, persino la Cgil, che bisogna fare presto”. Con stilettata finale al segretario: “Mi spiace che i destini personali di Bersani siano più importanti”. [brightcove]2301357497001[/brightcove]

Fuori dalla “linea” le opinioni sui possibili candidati per il Quirinale. Renzi boccia Franco Marini, in quanto senatore già bocciato dagli elettori in Abruzzo alle ultime elezioni, e attacca Anna Finocchiaro nella scorsa legislatura capogruppo del partito al Senato – ricordando le foto della sua spesa all’Ikea con la scorta e, per questo motivo, poco adatta, a suo dire, per un messaggio anticasta (la Finocchiaro aveva già spiegato a suo tempo che chi è scortato lo è sempre, anche negli impegni privati). 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Monti: “Non abbandono la politica. Scarsa crescita colpa di imprese e sindacati”

next
Articolo Successivo

Lugano, le urne premiano il leghista Giuliano Bignasca morto il 7 marzo

next