Attesa per la sentenza nei confronti dell’ex senatore Pdl, accusato di concorso esterno a Cosa Nostra. Per lui il pg Luigi Patronaggio ha chiesto la condanna a sette anni di carcere, la stessa pena inflitta nel primo processo d’appello, prima che la Cassazione nel marzo scorso ordinasse un nuovo grado di giudizio. Prima della sospensione dell’udienza, l’ex senatore del Pdl ha voluto rilasciare alcune dichiarazioni spontanee. “Sono indignato del fatto che secondo l’accusa la mia carriera in Pubblitalia sarebbe stata concussa da Cosa Nostra” ha detto Dell’Utri che alla fine si è intrattenuto con i giornalisti. “L’unica cosa che ci può salvare, come diceva Montale, è un imprevisto ma attendo con serenità la sentenza. Perché non ho partecipato alla manifestazione del Pdl contro la magistratura? Perché non sono più un parlamentare. E questa non è politica. La politica è un’altra cosa, e per il momento siamo nella merda”  di Giuseppe Pipitone e Silvia Bellotti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ruby, per Berlusconi stop al processo in attesa del parere della Cassazione

prev
Articolo Successivo

Facebook e pedopornografia: basta anche un like per la galera

next