Un episodio “sconveniente”. Il pranzo dei 5 Stelle al ristorante della Camera, testimoniato dalla foto pubblicata su Chi, viene definito appunto “sconveniente” dal deputato M5S Alessandro Di Battista. Il neoparlamentare scrive su Facebook il suo pensiero: “Per fare chiarezza sul pranzo alla buvette dico che non sono io quello in foto. Mai ci ho pranzato e mai ci pranzerò, non solo perché lo considero un privilegio perché parte del conto lo pagano i cittadini, ma soprattutto perché culturalmente per me è inaccettabile che esistano ristoranti esclusivi dove alcuni cittadini possano mangiare e altri no”. E precisa: “Con questo non voglio giudicare chi l’ha fatto e vi invito a non essere eccessivi nei giudizi”.

“Ciononostante credo che avete tutto il diritto di far notare a chi l’ha fatto che evidentemente è sconveniente” continua Di Battista secondo cui “è questo il controllo popolare che sogno: avete un potere immenso come cittadini, esercitatelo e noi, poco a poco, miglioreremo sempre più”. Per Di Battista questo episodio, dunque, ha anche il merito di aver reso evidente il “controllo popolare” sull’attività dei parlamentari 5 Stelle. E si tratta di un avvenimento che inevitabilmente ha suscitato polemiche, in vista anche della politica di “austerity” professata dai 5 Stelle che hanno deciso di tagliarsi lo stipendio del 50%, ma non rinunciano a diaria e privilegi. E proprio su questo punto si stanno interrogando su come sia meglio agire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5S, i neoparlamentari alla prova di benefit e privilegi

next
Articolo Successivo

Grasso: “M5S volevano ballottaggio web tra me e Schifani”. Ma lui smentisce

next