Un episodio “sconveniente”. Il pranzo dei 5 Stelle al ristorante della Camera, testimoniato dalla foto pubblicata su Chi, viene definito appunto “sconveniente” dal deputato M5S Alessandro Di Battista. Il neoparlamentare scrive su Facebook il suo pensiero: “Per fare chiarezza sul pranzo alla buvette dico che non sono io quello in foto. Mai ci ho pranzato e mai ci pranzerò, non solo perché lo considero un privilegio perché parte del conto lo pagano i cittadini, ma soprattutto perché culturalmente per me è inaccettabile che esistano ristoranti esclusivi dove alcuni cittadini possano mangiare e altri no”. E precisa: “Con questo non voglio giudicare chi l’ha fatto e vi invito a non essere eccessivi nei giudizi”.

“Ciononostante credo che avete tutto il diritto di far notare a chi l’ha fatto che evidentemente è sconveniente” continua Di Battista secondo cui “è questo il controllo popolare che sogno: avete un potere immenso come cittadini, esercitatelo e noi, poco a poco, miglioreremo sempre più”. Per Di Battista questo episodio, dunque, ha anche il merito di aver reso evidente il “controllo popolare” sull’attività dei parlamentari 5 Stelle. E si tratta di un avvenimento che inevitabilmente ha suscitato polemiche, in vista anche della politica di “austerity” professata dai 5 Stelle che hanno deciso di tagliarsi lo stipendio del 50%, ma non rinunciano a diaria e privilegi. E proprio su questo punto si stanno interrogando su come sia meglio agire.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, i neoparlamentari alla prova di benefit e privilegi

prev
Articolo Successivo

Grasso: “M5S volevano ballottaggio web tra me e Schifani”. Ma lui smentisce

next