“Siamo in coalizione con il Pdl, ma serve un governo”. A parlare è Roberto Maroni, intervenuto all’insediamento della giunta regionale lombarda, rispondendo a una domanda sul possibile dialogo col Pd. “Non faremo nulla che sia contro la coalizione, concorderemo tutto”, ha chiarito, precisando però che “detto ciò come governatore della Lombardia voglio un governo che mi dia risposte”. Già ieri aveva detto: “Abbiamo bisogno di un governo forte e stabile a Roma“. 

Maroni ha poi avvertito che “andremo insieme con il Pdl alle consultazioni da Napolitano la mattina del 21 marzo”. In merito alle aperture venute nei giorni scorsi dal segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, il neo presidente della Lombardia ha spiegato che “sono cose interessanti ma prima di tutto viene la lealtà: mantenere gli impegni presi”.

Maroni ha risposto anche indirettamente a Mario Monti ribadendo la propria lealtà alla coalizione formata con il Pdl. “Siamo tenuti agli accordi di coalizione e voglio tenere fede a questo”, ha detto. “Monti ne era fuori e mi pare che in Lombardia avesse un suo candidato”.

 

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Movimento 5 Stelle, la supercazzola di Beppe Grillo

prev
Articolo Successivo

Grillo e le leggi fai-da-te

next