“Siamo in coalizione con il Pdl, ma serve un governo”. A parlare è Roberto Maroni, intervenuto all’insediamento della giunta regionale lombarda, rispondendo a una domanda sul possibile dialogo col Pd. “Non faremo nulla che sia contro la coalizione, concorderemo tutto”, ha chiarito, precisando però che “detto ciò come governatore della Lombardia voglio un governo che mi dia risposte”. Già ieri aveva detto: “Abbiamo bisogno di un governo forte e stabile a Roma“. 

Maroni ha poi avvertito che “andremo insieme con il Pdl alle consultazioni da Napolitano la mattina del 21 marzo”. In merito alle aperture venute nei giorni scorsi dal segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, il neo presidente della Lombardia ha spiegato che “sono cose interessanti ma prima di tutto viene la lealtà: mantenere gli impegni presi”.

Maroni ha risposto anche indirettamente a Mario Monti ribadendo la propria lealtà alla coalizione formata con il Pdl. “Siamo tenuti agli accordi di coalizione e voglio tenere fede a questo”, ha detto. “Monti ne era fuori e mi pare che in Lombardia avesse un suo candidato”.

 

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Movimento 5 Stelle, la supercazzola di Beppe Grillo

next
Articolo Successivo

Grillo e le leggi fai-da-te

next