“Il Tesoro cercherà di fare di tutto per mettere in sicurezza il nostro Paese”, lo ha detto il ministro dell’Economia Vittorio Grilli all’indomani del declassamento di Fitch.”Mi aspetto che nei prossimi giorni ci sia chiarezza sulle scelte di governo – ha aggiunto – L’Italia saprà dare nei tempi giusti i chiarimenti politici necessari”. 

La decisione di Fitch di abbassare il rating della Repubblica Italiana “ovviamente non fa piacere, ma non può essere considerato un evento sorprendente”, ha aggiunto Grilli che oggi a Cernobbio partecipa al Workshop Ambrosetti. “L’economia europea ha rallentato nel 2012 e nel 2013 la situazione si presenta difficile. Ovviamente l’economia italiana ha anch’essa delle debolezza, è chiaramente una fase di ciclo avverso”.

“Chiaro che ancora un clima di incertezza politica in un momento così complesso da un punto di vista economico non aiuta – ha aggiunto -. Mi sembra che il giudizio di Fitch punti in quella direzione, che una situazione economico-finanziaria complessa richiede certezze decisionali e quindi anche certezze politiche e di governo. Penso che siamo tutti consapevoli di questo”.

Grilli si è quindi detto “fiducioso” nel “buon andamento” delle aste dei titoli di Stato previsti per martedì 12 e mercoledì 13 nonostante il downgrade di Fitch. “Fare previsioni è impossibile perché vuol dire essere smentiti con grande probabilità”, ha premesso. “Diciamo che negli ultimi anni – ha però aggiunto – gli impatti del giudizio delle agenzie di rating sui mercati non sono stati molto forti perché più che guardare avanti prendevano atto di situazioni già presenti e consolidate nei mercati”.

Venerdì sera, a stretto giro dal taglio del rating, il Tesoro aveva emesso un comunicato per sottolineare alcuni aspetti relativamente positivi della situazione economico-finanziaria del Paese e per puntualizzare che “l’incertezza politica che è seguita alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio è parte integrante di un normale processo democratico. Confermiamo quindi la fiducia nel fatto che l’Italia troverà la soluzione politica e proseguirà il processo di riforma in corso”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le contraddizioni di Draghi e i rischi di un’Italia inconcludente

prev
Articolo Successivo

Inquinamento e mobilità, l’ideologia anti-automobilistica

next