Ahmadinejad bacia la bara di Chávez e viene subito redarguito dal clero sciita. Dietro l’accusa di aver “eccessivamente celebrato il defunto presidente” – come riporta il sito d’informazione Digarban- ci sarebbe la lotta tra il presidente iraniano e la Guida suprema Ali Khamenei, assieme agli ayatollah conservatori, per screditarlo agli occhi dell’opinione pubblica affinché non lo voti alle presidenziali di giugno. Khamenei vorrebbe prevalesse Ali Larijani, presidente del Parlamento, nonché suo protetto.

Nel suo messaggio di condoglianze aveva definito Chavez come un “simbolo della resistenza all’imperialismo e personalità eccezionale destinata, alla fine dei tempi, a risorgere insieme al 12° imam, il Mahdi”. I religiosi hanno criticato Ahmadinejad in quanto “non idoneo a rilasciare dichiarazioni a sfondo religioso”. L’ayatollah ultraconservatore Mesbah Yazdi ha detto che “non bisogna attribuire tanta importanza a un capo di Stato straniero, fino al punto di porlo sullo stesso piano della nostra Guida Suprema”.

Twitter: @robertazunini

Il Fatto Quotidiano, 9 Marzo 2013

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nigeria, ucciso l’ostaggio italiano Trevisan. Farnesina conferma, ma nega blitz

next
Articolo Successivo

Cina, troppi scandali al ministero delle Ferrovie? Lo Stato lo cancella

next