“Difendere Berlusconi di fronte al Tribunale di Milano è sempre un’impresa difficile”. A sostenerlo è l’avvocato Piero Longo, all’uscita dall’aula dove la quarta sezione penale ha condannato Silvio Berlusconi a un anno per concorso in rivelazione del segreto d’ufficio, e a due anni e tre mesi suo fratello Paolo per lo stesso reato. “Senza forzare la mia dignità professionale”, commenta Longo, “questa volta pensavo non ci fosse strada per una condanna”. E ancora: “Mi sarebbe piaciuto difendere l’avvocato Agnelli a Torino, invece sono qui con Ghedini a difendere Berlusconi. In tribunale dove la difficoltà si somma a una notevole imprevedibilità”. Longo, rieletto in parlamento per il Pdl, sarà piazza con il suo partito il 23 marzo. “Ma non contro la magistratura”, precisa, nonostante la manifestazione fosse stata pensata inizialmente proprio come reazione ai guai giudiziari del Cavaliere di Franz Baraggino

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trattativa Stato-mafia, rinviati a giudizio i dieci imputati. Ma il gup attacca i pm

prev
Articolo Successivo

Trattativa, tutti gli imputati a processo: lo Stato processerà se stesso

next