Tracce di batteri che normalmente sono presenti nelle feci. Sono state trovate dalle autorità sanitarie cinesi nelle torte alle mandorle a al cioccolato dell’Ikea che ha ritirato i prodotti dalle caffetterie di 23 Paesi, tra cui l’Italia. La multinazionale ha però riferito ai carabinieri del Nas che nei ristoranti Ikea italiani non sono presenti lotti delle torte ritirate.I risultati delle prime analisi sui campioni, comunque, sono attesi nelle prossime 48 ore. I dolci ritirati sono stati prodotti dal fornitore svedese Almondy .

Il colosso svedese dei mobili, già scosso dopo la scoperta di carne di cavallo nelle polpette servite dai suoi ristoranti, ha reso noto di aver ordinato a dicembre il ritiro di 1.800 Taarta Chokladkrokant. “Un’eccessiva presenza di colibatteri era stata riscontrata dalla amministrazione cinese per l’ispezione sulla qualità dei prodotti alimentari” ha reso noto soltanto oggi il quotidiano cinese Shanghai Daily. La portavoce dell’Ikea, Ylva Magnusson, ha confermato la notizia, ha spiegato che si è già provveduto al ritiro delle torte a rischio e ha assicurato che Taarta Chokladkrokant con la presenza di quei batteri non sono mai finite in vendita, sottolineando che di norma la presenza di colibatteri non rappresenta un pericolo per la salute.”Questi batteri normalmente poco pericolosi per i consumatori, sono di solito la spia “di una contaminazione fecale, anche se non è sempre il caso” ha spiegato un microbiologa dell’autorità per la sicurezza alimentare svedese, Mats Lindblad.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato il padre del calciatore Sculli. Sequestri per 450 milioni

prev
Articolo Successivo

Week end e cene con i soldi del Comune, arrestato consulente del sindaco

next