“Se non ci avessero annullato in media cinque voti a sezione avremmo vinto di oltre 250 mila voti”. Lo avrebbe detto Silvio Berlusconi nel corso dell’incontro a villa Gernetto con gli eletti lombardi. Il leader del Pdl è arrivato a Lesmo (Monza) per incontrare i futuri rappresentanti del Popolo della Libertà in Parlamento. Fra i presenti il coordinatore regionale del partito, Mario Mantovani, il governatore uscente della Lombardia, Roberto Formigoni e il segretario del Pdl, Angelino Alfano. Tutti gli invitati al confronto post-elettorale con il Cavaliere – gli eletti lombardi a Camera, Senato e Regione – sono entrati direttamente a Villa Gernetto senza fermarsi con i giornalisti presenti davanti al cancello. 

“Ho parlato con le associazioni degli imprenditori, sono tutte preoccupate” ha detto Silvio Berlusconi, a quanto raccontano alcuni presenti, nel corso della riunione. Il Cavaliere ha anche aggiunto che nei sondaggi la coalizione di centro destra è avanti mentre Scelta Civica di Monti è scesa al 6,2%. “Aspettiamo di vedere che Bersani continui a prendere porte in faccia da Grillo, poi vediamo se il segretario del Pd è un leader e sa guidare i suoi o se li porta a sbattere”  detto l’ex presidente del Consiglio ai suoi. Il leader del Movimento 5 Stelle ha fatto sapere che non darà nessun appoggio a nessun governo. “Aspettiamo di vedere domani la direzione del Pd. Poi la prossima settimana ci riuniremo per eleggere i capigruppo, servono facce nuove”.  Intanto venerdì Berlusconi incontrerà Mario Monti venerdì 8 marzo. Ieri il presidente del Consiglio aveva inviato una lettera al Cavaliere, al leader del Pd Pier Luigi Bersani e Beppe Grillo per fissare una serie di incontri in vista del consiglio Ue del 14 marzo.

Durante la riunione Berlusconi ha insistito sulla soppressione dell’Imu. Il Cavaliere è poi tornato sul fattore psicologico come prima causa della crisi economica: “Questa – ha aggiunto – è stata la colpa più grande del governo Monti” e  annuncia di voler portare il Pdl in piazza almeno una volta al mese chiamando l’evento ‘piazze della libertà’”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo dei ‘non tecnici’. Sel apre a una terza via tra Bersani e il voto

next
Articolo Successivo

Napolitano, al Pd bastano tre voti per decidere il successore al Quirinale

next