Il palazzo da “espugnare” è la Bastiglia ormai conquistata, con un risultato senza precedenti: il Movimento 5 stelle – primo partito alla Camera- si lascia dietro Pd e Pdl. Sono 162 gli attivisti del M5S in marcia verso il Parlamento. Riduttivo oggi parlare di antipolitica. “Abbiamo parlato alla testa e al cuore degli italiani, non alla pancia” precisa Davide Bono che del M5S è consigliere regionale in Piemonte e che respinge così la teoria del solito voto di protesta. Tutti carichi e determinati gli “onorevoli”, o meglio i portavoce, a 5 Stelle. E soprattutto preparati, fanno sapere. “Abbiamo studiato e a breve faremo anche dei corsi di formazione“, spiega ancora Bono che poi elenca le priorità del Movimento, come da programma: “Subito il reddito di cittadinanza a chi è in sofferenza per non lasciare indietro nessuno. Adesso dobbiamo cercare di salvare, più che far ripartire il paese”.

“Ogni giorno – ricorda il consigliere regionale piemontese – chiudono mille aziende, un dato grave dal punto di vista economico, bisogna ridare credito alle imprese e far in modo che l’Italia riparta, non in senso di Pil, che non significa nulla, occorre ridare speranza alle persone e lavoro”. E’ su questo che il Movimento 5 Stelle si confronterà con le altre forze politiche, anche dall’opposizione, è la promessa. Niente inciuci. Beppe Grillo docet: “Il M5S non si allea, no al governassimo”. Anche se in serata fa sapere: “Il metodo è Sicilia è meraviglioso”.

La supervisione del programma spetterà alla rete, ai cittadini che da casa potranno dire la loro, chiosa ancora Bono, che poi “ipoteca” Copasir (Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica) e commissione di Vigilanza Rai: “Spettano a noi, siamo il primo partito”, a Montecitorio. “L’obiettivo è controllare e vigilare per ridare libertà al paese – conclude Bono- e magari fare luce sui tanti misteri d’Italia degli ultimi 40 anni”.

Di sicuro gli attivisti del M5S, anche se di poltrone al momento non vogliono parlare, saranno costretti a farlo e a confrontarsi con tutte le altre forze politiche. In ballo ci sono le presidenze delle commissioni per salire su fino ai vertici dei due rami del Parlamento e del Quirinale. Il rischio è che in mancanza di un coordinamento chiaro tutto possa sfuggire di mano e finire nel caos, che non è una strategia politica. Ci sono poi regole e regolamenti da rispettare. Dire – come ha già fatto qualcuno – che i ruoli di capigruppo di camera e senato nel M5S saranno ricoperti a rotazione, sarà pure molto democratico ma anche poco realistico. Ecco appunto, è proprio il caos che nel Palazzo si teme di più. E la nuova legislatura che si apre, la diciassettesima, non nasce sotto i migliori auspici al netto appunto del responso delle urne. 

Tante teste, tante competenze. “Valorizzeremo il merito” assicura Carla Ruocco, eletta alla Camera in Lazio. “L’Italia è da sempre il paese dei talenti, siamo preparati e ci sentiamo all’altezza – rivendica con orgoglio- basta con la vecchia politica“. La road map è tracciata nel programma che viaggia sul web. Le priorità? “Legge sul conflitto di interesse e legge elettorale per dare stabilità al paese – afferma Ruocco- temi fondamentali che sono scritti nel nostro programma e a cui noi resteremo fedeli, poi ovviamente i temi economici, il reddito di cittadinanza e il taglio delle province e dei comuni”. Questa insomma la stura immediata per far ripartire l’economia, conclude Ruocco. Appuntamento dunque in Parlamento: pronti a “scardinare le vecchie logiche”, garantisce Vito Crimi, neo eletto a palazzo Madama. E pure lui rivendica: “Abbiamo studiato il diritto parlamentare, siamo preparati a quello che è, o meglio, a quello che dovrebbe essere il Parlamento”. Quindi una promessa che sembra anche una “minaccia”, “preparati anche a stravolgere le prassi, perché ce ne sono di anomalie, rispetto alla struttura e alla legislazione italiana. Andremo a rivedere i regolamenti parlamentari che sono un elemento fondamentale”, chiosa ancora Crimi. Ne vedremo delle belle dagli anti -casta tra la casta. E c’è già chi tra i neo eletti assicura: niente ristorante o bouvette, il pranzo sarà al sacco, in segno di discontinuità. Altri invece, annunciano che in Parlamento ci arriveranno in bici. Comunque andrà a finire, l’onda dei “barbari” – come qualcuno si è divertito a sbeffeggiarli in passato- è in arrivo come uno tsunami e punta dritto sui palazzi della politica, che saranno il primo vero banco di prova per il Movimento 5 stelle nazionale. 
(FEG) 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni 2013, cronaca ora per ora. Grillo: “Il modello Sicilia è meraviglioso”

next
Articolo Successivo

Elezioni 2013, Emiliano: “Grillo scelga il premier. Per noi è un’opportunità”

next