Comparirà davanti al Gip del tribunale di Rimini con l’accusa di violenza sessuale dopo la denuncia di un giovane. Don Gabriele Corsani, 45 anni, economo del collegio salesiano di Pavia, già confessore del candidato premier Silvio Berlusconi, e padre spirituale di numerosi sportivi professionisti, è finito invischiato in un paio di episodi risalenti al 2005 e al 2007. Vicende che dovranno essere ricostruite davanti al gip di Rimini che dovrà decidere se prosciogliere il sacerdote milanese oppure se rinviarlo a giudizio.

Don Corsani è stato accusato da un ex allievo che ha poi chiamato in causa anche un amico. L’inchiesta della Procura di Rimini è iniziata il 5 luglio del 2011. Un giovane di 24 anni si è presentato ai carabinieri raccontando ciò che sarebbe successo quattro anni prima in un albergo di Rimini. Il sacerdote, secondo l’accusa, avrebbe attirato in una stanza l’ex allievo di una scuola di ispirazione cattolica del milanese. Gli avrebbe proposto di dormire insieme e lo avrebbe palpeggiato sui genitali.

Il ragazzo, stando alla sua ricostruzione, sarebbe riuscito a fuggire e, all’inizio, non avrebbe raccontato quello che era successo. Ma non è riuscito a dimenticare l’imbarazzante vicenda. Il giovane ha anche raccontato ai carabinieri di aver raccolto confidenze di amici, vittime di vicende simili che  successivamente i carabinieri hanno identificato e sentito come testimoni. Uno di loro avrebbe messo a verbale, senza però denunciarla, una vicenda che risaliva addirittura al 2005: durante un corso di aggiornamento, che prevedeva il pernottamento in un albergo, don Gabriele avrebbe cercato di baciarlo.

La procura di Rimini ha contestato l’aggravante del ruolo direttivo ricoperto dal sacerdote. L’inchiesta, conclusa alcuni mesi fa, ha portato al rinvio a giudizio del sacerdote. Mercoledì 19 febbraio si attende il responso del Gip. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Parma, 800 persone in coda per 20 posti da McDonald’s

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2013, le elezioni mononota degli adultolescenti

next