I prezzi del metano scendono, ma le bollette aumentano a vista d’occhio. Secondo quanto denunciano Adusbef e Federconsumatori in due anni le tariffe del gas sono cresciute del 23,7%, mentre i costi del metano sul mercato internazionale nello stesso periodo sono diminuiti del 20 per cento. Forse anche perché, sottolineano le associazioni dei consumatori, solo il 37,4% della bolletta riguarda la materia prima, mentre il 62,6% è riferito a oneri di altro tipo (distribuzione, trasporto, assicurazioni etc). Da qui la richiesta di un blocco totale biennale di prezzi e tariffe “per contribuire a uscire dalla recessione”.

Non solo. Le due associazioni accusano direttamente l’Autorità per l’Energia, che è l’organismo pubblico al quale è affidata la definizione delle tariffe per il mercato vincolato, vale a dire la grande maggioranza delle famiglie. Secondo Adusbef e Federconsumatori, infatti, “le Autorità indipendenti, istituite per legge con la finalità di tutelare interessi di particolare rilevanza, quali i servizi diffusi di pubblica utilità, come il gas e l’energia, invece di salvaguardare anche i diritti e gli interessi dei consumatori e delle famiglie, si fanno influenzare da monopoli e oligopoli, assecondando i loro esclusivi desiderata”.

Le due associazioni ricordano quindi che i rincari che hanno inciso sulle bollette di 26 milioni di famiglie e quattro milioni di piccole e medie imprese, corrispondono a più di 4 volte l’inflazione, e “hanno generato una perdita del potere di acquisto ad esclusivo vantaggio dei gestori”. Infatti “tra costi occulti delle bollette del gas, incrementi, Iva, accise, addizionali ed altre varie voci, i consumatori sono costretti a pagare perfino un’assicurazione aggiuntiva che ammonta a 800 milioni di euro per salvaguardare i contratti delle imprese, che continuano a tenere occultati i costi reali pagati all’ingrosso”.

Prendendo in esame una bolletta tipo, analizzandone tutte le voci di spesa, Federconsumatori e Adusbef concludono che nel biennio la fattura ha subito un rincaro pari a 44 euro nel 2011 e 32 euro nel 2012, per un aggravio di 76 euro per ognuna delle famiglie e oneri complessivi di 2,4 miliardi di euro. Al contrario, “con un’Authority meno dipendente dagli interessi dei gestori, doveva diminuire di 23 euro nel 2011 e di 18 nel 2012, con un risparmio di 41 euro a famiglia”.

Pronta la risposta dell’Autorità secondo la quale che già da aprile le bollette del gas inizieranno a diminuire per effetto dei nuovi meccanismi di aggiornamento, che verranno introdotti. La stessa Authority informa che “il decremento complessivo sarà del 6-7%, con un risparmio di circa 90 euro su base annua”. Il nuovo meccanismo dovrebbe consentire un’azione “molto incisiva a beneficio di famiglie e piccoli consumatori, proseguendo nel percorso già avviato dal 2011 per contenere le bollette e trasferire i benefici derivanti dalla maggiore concorrenza sui mercati all’ingrosso e dall’avvicinamento dei prezzi italiani a quelli Ue, reso possibile anche grazie all’istituzione da parte dell’Autorità del mercato di bilanciamento, in grado di fornire un prezzo ‘spot’ non più legato a contratti di lungo periodo”. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se la gestione degli esodati non è una priorità

next
Articolo Successivo

“La crisi alza il rischio rapimenti”. Parola di compagnie di assicurazione

next